Archivi tag: Beatrice Antolini

In una lunga giornata…

h 16 sala prove, smontare tutto, lasciamo lì solo le casse.

h 17 le macchine sono cariche. Passiamo un attimo a casa prima di partire.

Arriviamo come d’accordi alle 18 al Dylan e notiamo che tutta la crew degli A Toys Orchestra è arrivata da poco. Tutti presi a scaricare la strumentazione. Un timido “ciao” da parte di tutti loro e via che si tira dritto per montare. Pezzo dopo pezzo vediamo comporre una backline imponente. Capiamo subito il perchè preferissero una set acustico. E’ effettivamente impossibile aggiungere un solo spillo sul palco.

Il tempo scorre inesorabile e noi lo spendiamo chiacchierando, fumando qualche sigaretta e bevendo birre. A.T.O. sono impegnati a fare il soundcheck e non c’azzardiamo a portare nulla per non intralciarli. Ci accorgiamo però che sono le 20.15 ed ancora non abbiamo un jack posizionato nel nostro “palco”. Decidiamo assieme ai ragazzi del Dylan di cenare subito e poi montare tutto e fare il soundcheck. Con noi a tavola c’è Gianmarco, il tecnico locale che assieme a Lorenzo, fonico degli A.T.O, curerà tutto ciò che riguarda il suono della serata. Noi, preoccupati di come stanno andando le cose, siamo però rasserenati dalla sua tranquillità. Vediamo arrivare un gruppo di giornalisti che saranno impegnati con Enzo Moretto in un’intervista. Noi andiamo a scaricare tutto e montare. Nel frattempo arriva Massi, un nostro caro amico che ci aiuta…

Posizioniamo tutto il nostro backline proprio davanti al palco, proviamo qualche pezzo e con qualche aggiustamento sentiamo il giusto feeling.

Poco alla volta arrivano amici e non ed il locale piano piano si riempie. Non dobbiamo assolutamente andare oltre le 23.30 quindi decidiamo di suonare otto pezzi ed iniziare alle 22.30 o poco più tardi. Suoniamo, rilassati e considerando l’ora abbiamo un discreto pubblico ad ascoltarci. Bello!! 😀

Sarebbe bello rimanere ancora un po’ a suonare, ma non possiamo andare oltre. Salutiamo, ringraziamo il pubblico, Gianmarco, il Dylan, A.T.O. e smontiamo tutto con velocità supersonica.

Sigaretta e torniamo dentro.

Siamo praticamente attaccati al palco quando iniziano a suonare A.T.O.

Sound molto più potente che da disco. Caldissimo. C’è un continuo muoversi sul palco e vediamo che assieme a loro sul palco c’è Beatrice Antolini che passa dal basso alle tastiere/synth, poi al sax. Non c’è una canzone in cui non si scambiano strumenti. Pazzesco.

Andrea e Franz devono tornare a casa per impegni familiari, mentre Alessio, Marco e Tom rimangono a godersi la serata. Finito il concerto i ragazzi di A.T.O. vanno al banchetto cd/t-shirt e scambiano impressioni sulla serata con i presenti. Mentre alle 6 di pomeriggio li vedevamo poco socievoli, ora sono superdisponibili.

Alessio & Enzo

Enzo ci racconta della sera precedente a Roma dove hanno trovato oltre 800 paganti (!!!) e la bellezza di essere catapultati in una situazione intima come quella del Dylan. Ci raggiunge poi Ilaria che ci fa dei gran complimenti. Simpaticissima!

Beatrice, Tom & Ilaria

Mentre Alessio interroga come uno sceriffo Raffaele sulla sua strumentazione (Epiphone ES e Jazz Precision degli anni 70 tra le tante…), Tom intrattiene Beatrice e Ilaria come solo lui sa fare (?!) e Marco ci raggiunge per qualche foto :D.

Tom, Ilaria & Marco

Termina una giornatina di fuoco, ma siamo decisamente appagati;-).

Sono le 2, siamo cotti. Salutiamo tutti.

Chissà se ci sarà un’altra volta…

Conserviamo intanto quest’esperienza in un posto molto particolare…

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Concerti, Diario